Questo sito utilizza i cookie tecnici necessari alla trasmissione di informazioni su una rete di comunicazione elettronica e non  utilizza cookie di profilazione.

 Gianfranco Curletti

Matto per gli insetti
 
Collana Herriot
 
176 pagine, ill. b/n di Magali de Maistre
2008

libro € 14,00

ISBN 978-88-7904-058-7

eBook € 6,99

ISBN 978-88-7904-110-2

 

Smessi per una volta i panni seriosi dell’entomologo ricercatore, Gianfranco Curletti prova a raccontare il suo lavoro a tutti, svelando aneddoti, ricordi, avventure capitategli durante i suoi innumerevoli viaggi sulle tracce degli insetti di tutto il mondo. La sua grande esperienza di ricercatore sul campo lo ha avvicinato a realtà diverse e gli ha dato la possibilità di imbattersi in situazioni, atmosfere ed episodi ricchi di insegnamenti e di interesse. Matto per gli insetti mette insieme tutto ciò: l’amore per gli insetti, la natura, il mondo animale e la gioia della scoperta a cui talvolta si può giungere nei modi più curiosi e imprevisti. Come è caratteristica della collana Herriot, mettendo insieme narrazione e divulgazione scientifica, questo libro vuole descrivere come interagiscono uomini e animali, e quali dinamiche si mettono in moto nei loro incontri. Ma l’occasione è ghiotta anche per scoprire come si muove un ricercatore tra situazioni imbarazzanti, sorprese, entusiasmi e timori, e per scoprire qualcosa sull’attuale stato di salute del nostro pianeta. In queste pagine, sorta di diario pubblico di uno scienziato, l’entomologia viene letta e raccontata come uno stile di vita e non soltanto come un mestiere.

Gianfranco Curletti nato a Carmagnola in provincia di Torino nel 1947, lavora nel Museo Civico di Storia Naturale della sua città natale. è conservatore di entomologia e ha al suo attivo oltre un centinaio di pubblicazioni scientifiche. Molto apprezzato come ricercatore sul campo, è spesso invitato da istituzioni straniere per le ricerche in ambito tropicale. I Radeau-des-Cimes, spedizioni internazionali mediaticamente molto conosciute grazie allo spettacolare uso di piattaforme aeree e di dirigibili, lo vedono coinvolto, unico italiano, in Africa, Australia e America Centrale. Sua la cura della mostra INSECTA tenutasi al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino nella primavera-estate del 2007.

 

GUARDA NEL LIBRO

 

ibsbannerverde

 

   
Rassegna stampa  
 

la Repubblica

 

Sole 24 Ore

17-09-2008

il Mercoledì

Informazioni aggiuntive